top of page
  • Immagine del redattoreARVAL

SWISSNESS

Nel settore cosmetic

Nel 2017 è entrata in vigore in Svizzera una nuova normativa che per anni ha attraversato tutti gli organi politici e la stampa. Si tratta della cosiddetta legislazione SWISSNESS, un'ordinanza a livello federale che regola le condizioni che un prodotto o la produzione di un prodotto devono soddisfare per poter essere infine commercializzato come PRODOTTO SVIZZERO.


Queste condizioni non sono uguali per tutti i prodotti. Ad esempio, una carota è un prodotto agricolo e deve essere coltivata in territorio svizzero. La situazione è simile per molti prodotti dell'industria alimentare. La situazione è diversa per i prodotti industriali come gli orologi, il cioccolato o i cosmetici.


In questo caso non si tratta tanto dell'origine delle materie prime - l'acciaio per gli orologi non proviene dalla Svizzera così come alcuni principi attivi e additivi dei cosmetici - quanto dell'origine dell'ingegneria, della produzione, del controllo di qualità e dell'ulteriore lavorazione.


I prodotti industriali svizzeri godono di un'ottima reputazione internazionale perché questi aspetti garantiscono una qualità superiore. Negli ultimi 60-80 anni, questa qualità si è costantemente sviluppata e i prodotti di origine svizzera sono oggettivamente migliori sotto molti aspetti rispetto a quelli provenienti da altri Paesi.


Tuttavia, questo ha anche un prezzo e quindi il consumatore è disposto a pagare di più per un prodotto svizzero che per prodotti provenienti da altri Paesi. Molti studi hanno dimostrato che oggi i consumatori sono disposti a pagare il 20-30% in più per un prodotto svizzero.


Questo ha fatto sì che la croce svizzera sia diventata un marchio di qualità e che molti produttori in tutto il mondo usino l'origine svizzera in modo sleale per dare ai loro prodotti una speciale patina di qualità e farli pagare di più.


Dal 2017 l'ordinanza Swissness regolamenta l'uso di questo marchio di origine geografica e protegge i produttori svizzeri dai plagi provenienti dall'estero. La normativa è rispettata e applicata anche da altri Paesi.


La Cina, ad esempio, nel 2017 ha ritirato dalla circolazione circa 270 marchi con una denominazione di origine ingannevole "Svizzera". Nel 2018, i marchi erano ancora 35.


Per ARVAL, questa legislazione ha un impatto diretto e vediamo sul mercato quanto sia ricercata l'origine svizzera nel nostro settore.


Nel lavoro quotidiano, tuttavia, la SVIZZERANZA è prima di tutto un obbligo:


L'obbligo di rispettare le regole e di far capire ai clienti che anche loro devono rispettare questa normativa.


Ma l'obbligo è anche quello di fornire la migliore qualità svizzera e di inviare prodotti migliori nel mondo, come ulteriori ambasciatori dell'esclusiva qualità svizzera.


È proprio questo l'obiettivo che ci prefiggiamo, ed è per questo che lavoriamo ogni giorno, nel nostro reparto di sviluppo interno, nella nostra produzione, nel nostro abbigliamento prêt-à-porter e nel nostro controllo qualità.


Per una qualità che merita il sigillo di approvazione svizzero sotto forma di croce svizzera!



Laboratoires Biologiques ARVAL SA

Thomas Früh, General Direktor


Comments


bottom of page